IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE QUALE PUNTO DI FORZA NELLA CAMPAGNA VACCINALE PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE DEI SOGGETTI FRAGILI

Con il contributo non condizionante:

Inizio: 12-03-2024 - Fine: 28-02-2025

Chiusura iscrizioni: 07-03-2024


Formazione blended - Crediti ECM: 34.8


Ore previste: 23.00 – Posti disponibili: 0 – Stato corso:

Raggiunto il numero massimo di iscritti al corso. Non è possibile accedere.


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Medicina generale (medici di famiglia)

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

RAZIONALE

Un punto fondante dell’Accordo Collettivo Nazionale 2016-2018 è definito all’ART 4 comma b. In tale articolo si sottolinea come la riduzione delle malattie infettive prevenibili da vaccino rappresenti una priorità per il Paese Italia, da realizzare attraverso strategie efficaci ed omogenee sul territorio nazionale, offrendo gratuitamente le vaccinazioni per fascia d’età e per categorie a rischio. I Medici di Medicina Generale sono coinvolti pienamente nell’organizzazione delle campagne vaccinali, dalla selezione degli aventi diritto per età alla selezione dei pazienti in situazione di rischio per patologia. Il ruolo dei medici di medicina generale viene anche richiamato dall’ultimo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2023-2025 (come da Intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, Rep. atti n. 193/CSR del 2 agosto 2023) dove sono definiti “…attori fondamentali nelle reti di promozione vaccinale. I MMG svolgono un ruolo importante per la promozione e l’erogazione delle vaccinazioni dell’adulto, con particolare riferimento al soggetto fragile per patologia, fattori comportamentali/occupazionali o vulnerabile per condizione socioeconomica...”. Da questo PNPV così come da quello precedente, PNPV 2017-2019, discendono tutti i documenti tecnici pubblicati dalla Regione Piemonte e le Circolari/note emanate (tra cui quella relativa alla vaccinazione antinfluenzale stagionale). Tra questi documenti si ricordano a titolo di esempio: • Determinazione Dirigenziale 364/A1409C/2022 del 07.03.2022 “Le vaccinazioni nel paziente diabetico”; • Determinazione Dirigenziale 576/A1409B/2021 del 23.04.2021 “La vaccinazione dei soggetti che presentano un rischio aumentato di infezione invasiva da batteri capsulati (Streptococcus pneumoniae, Neisseria meningitidis, Haemophilus influenzae); • Determinazione Dirigenziale 1283/A1409B/2021 del 08.09.2021 “La vaccinazione contro Herpes Zoster in Regione Piemonte”. Il medico di medicina generale ha attualmente la possibilità di collaborare alla prevenzione di tre importanti malattie infettive: Influenza, Pneumococco e Herpes Zoster (fuoco di Sant’Antonio) e delle relative complicanze. La ricerca scientifica ha arricchito il patrimonio vaccinale per tutte e tre le patologie infettive. Oggi abbiamo a disposizione tre tipi di vaccini antinfluenzali, il quadrivalente (spit/subunità), il quadrivalente adiuvato ed il quadrivalente ad alto dosaggio; due vaccini contro lo Streptococcus Pneumoniae, il vaccino Polisaccaridico Coniugato 20 valente e il vaccino Polisaccaridico 23 valente; due vaccini contro l’Herpes Zoster, il Vaccino Ricombinante Adiuvato e il Vaccino Vivo Attenuato

Scheda Faculty

Paolo MORATO

Medico di Medicina Generale

Referente Area Vaccini  FIMMG Piemonte

Lorenza FERRARA

Dirigente Biologo SeREMI - ASL AL

Ruggero FASSONE

Medico di Medicina Generale

Referente Area Vaccini  FIMMG Piemonte

Stefania LA FAUCI

Medico di Medicina Generale

Salvatore SPINELLO

Medico di Medicina Generale

Erika SCHEMBRI

Medico di Medicina Generale

 

 

Programma scientifico