DISTURBI DEL SONNO E COMORBIDITA' PSICHIATRICA NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE

Con il contributo non condizionante:

Inizio: 04-06-2024 - Fine: 04-06-2024

Chiusura iscrizioni: 03-06-2024


Formazione residenziale - Crediti ECM: 4.0


Ore previste: 4.00 – Posti disponibili: 16 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Medicina generale (medici di famiglia)

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

Razionale

L’insonnia è il disturbo del sonno con più elevata prevalenza nella popolazione generale (8-10%) ed è di frequente riscontro nella medicina generale. Viene definita come la sensazione soggettiva di difficoltà nell’addormentamento, nella durata, nel consolidamento o nella qualità del sonno che si traducano in una compromissione del funzionamento diurno. La compromissione funzionale diurna tipicamente è rappresentata da fatica, ansia, umore depresso o irritabilità, malessere generale ed impairment cognitivo. La terapia dell’insonnia può richiedere un approccio farmacologico (benzodiazepine, z drugs, slow wave sleep enhancers, antagonisti delle oressine, melatonia) e/o non farmacologico (terapia cognitivo comportamentale), mentre i disturbi d’ansia ed i disturbi dell’umore, oltre a tecniche psicologiche,si avvalgono abitualmente di terapie ansiolitiche o antidepressive. L’aspetto eziopatogenetico condiziona la scelta dell’approccio terapeutico e la prognosi e la distinzione tra forme primarie e secondarie non può avvenire sulla base della semplice comorbidità, ma deve essere stabilita con chiarezza una duplice relazione (temporale e quantitativo) tra quello che si ipotizza essere il disturbo primario (causale) e l’insonnia. In particolare i disturbi d’ansia ed i disturbi dell’umore di tipo depressivo rappresentano una frequente comorbidità e possono essere causa di insonnia o sintomatologia conseguente all’insonnia stessa, più frequentemente con una relazione bidirezionale, potendo il disturbo del sonno rappresentare un sintomo, un fattore predittivo, un sintomo residuale o una comorbidità. Appare evidente come, in questi casi, sia fondamentale un’accurata diagnosi differenziale e l’adozione di strategie terapeutiche farmacologiche e non farmacologiche adeguate

Scheda Faculty

Maria Grazia OBERTA PAGET

Medico Di Medicina Generale

Giovanni BOELLA

Medico Di Medicina Generale

Alessandro CICOLIN

Responsabile SSD Medicina del Sonno

AOU Città della Salute – Molinette

Dip. Neuroscienze, Università di Torino

Programma scientifico

Mapa

https://www.google.com/local/place/fid/0x47886db2bd76b047:0xab7c4d1e7836fe12/photosphere?iu=https://streetviewpixels-pa.googleapis.com/v1/thumbnail?panoid%3DrazX2x7UgSHwHHE1Ml2Ckw%26cb_client%3Dsearch.gws-prod.gps%26yaw%3D312.10504%26pitch%3D0%26thumbfov%3D100%26w%3D0%26h%3D0&ik=CAISFnJhelgyeDdVZ1NId0hIRTFNbDJDa3c%3D&sa=X&ved=2ahUKEwiNi4zOvsaFAxVc8gIHHZp6CBAQpx96BAhAEAU