LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON FA TRA OSPEDALE E TERRITORIO

Con il contributo non condizionante di

Inizio: 25-05-2022 - Fine: 15-06-2022

Chiusura iscrizioni: 25-05-2022


Formazione residenziale - Crediti ECM: 8.0


Ore previste: 8.00 – Posti disponibili: 28 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Allergologia ed immunologia clinica
Angiologia
Cardiologia
Dermatologia e venereologia
Ematologia
Endocrinologia
Gastroenterologia
Genetica medica
Geriatria
Malattie metaboliche e diabetologia
Malattie dell'apparato respiratorio
Malattie infettive
Medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza
Medicina fisica e riabilitazione
Medicina interna
Medicina termale
Medicina aeronautica e spaziale
Medicina dello sport
Nefrologia
Neonatologia
Neurologia
Neuropsichiatria infantile
Oncologia
Pediatria
Psichiatria
Radioterapia
Reumatologia
Cardiochirurgia
Chirurgia generale
Chirurgia maxillo-facciale
Chirurgia pediatrica
Chirurgia plastica e ricostruttiva
Chirurgia toracica
Chirurgia vascolare
Ginecologia e ostetricia
Neurochirurgia
Oftalmologia
Ortopedia e traumatologia
Otorinolaringoiatria
Urologia
Anatomia patologica
Anestesia e rianimazione
Biochimica clinica
Farmacologia e tossicologia clinica
Laboratorio di genetica medica
Medicina trasfusionale
Medicina legale
Medicina nucleare
Microbiologia e virologia
Neurofisiopatologia
Neuroradiologia
Patologia clinica
Radiodiagnostica
Igiene, epidemiologia e sanità pubblica
Igiene degli alimenti e della nutrizione
Medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro
Medicina generale (medici di famiglia)
Continuità assistenziale
Pediatria (pediatri di libera scelta)
Scienza dell'alimentazione e dietetica
Direzione medica di presidio ospedaliero
Organizzazione dei servizi sanitari di base
Medicine alternative
Audiologia e foniatria
Medicina subacquea e iperbarica
Psicoterapia
Privo di specializzazione
Cure palliative
Epidemiologia
Medicina di comunità

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

RAZIONALE SCIENTIFICO

La fibrillazione atriale (FA) è una condizione cronica con prevalenza intorno al 2% nella popolazione e con crescente prevalenza con l’aumentare dell’età: questo vuol dire che un medico di medicina generale con 1.000 pazienti, avrà circa 20 pazienti affetti da FA.

Sia la FA parossistica, sia la persistente, sia la permanente, sono responsabili di tromboembolismo e di stroke tromboembolici.

L’incidenza/anno di stroke cardioembolico nei pazienti con FA è:

• 4,5% se nessun trattamento;

• 3,3% se in terapia con ASA;

• 2,4% se in terapia con ASA + clopidogrel;

• 1,4% se in terapia con farmaci anticoagulanti

Il trattamento con farmaci anticoagulanti orali permette quindi di risparmiare circa 3 eventi/anno rispetto al non trattamento e 2 eventi/anno rispetto al trattamento con ASA.

La decisione di porre in trattamento anticoagulante o non un paziente risulta da un bilancio fra rischio tromboembolico e rischio emorragico, per il quale ci si può avvalere delle scale di rischio: CHA2DS2VASc per la valutazione del rischio trombotico e HAS-BLED Risk Score per la valutazione del rischio emorragico.

I farmaci anticoagulanti orali oggi a disposizione sono gli antagonisti della vitamina K (VKA), cioè i dicumarolici, e i nuovi anticoagulanti orali (NAO): dabigatran,  inibitore della trombina, rivaroxaban, edoxaban e apixaban, inibitori del fattore Xa.

In data 15 ottobre 2020, l’AIFA ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana la Determinazione n. 1034 del 14 ottobre 2020, dal titolo “Adozione definitiva della Nota 97 relativa alla prescrivibilità dei nuovi anticoagulanti orali ai pazienti con Fibrillazione Atriale Non Valvolare (FANV)”.

Pertanto, dal 16 ottobre 2020, i medici Specialisti e i Medici di Medicina Generale (MMG) potranno continuare a prescrivere i nuovi anticoagulanti orali ad azione diretta (NAO/DOAC: apixaban, dabigatran, edoxaban, rivaroxaban) e gli antagonisti della vitamina K (AVK: warfarin e acenocumarolo) nei pazienti con FANV secondo le modalità previste dalla Nota 97, mediante la compilazione del Piano Terapeutico sul “Portale TS” (Tessera Sanitaria) Nazionale.

Il Percorso formativo, previsto in due momenti di incontro, si prefigge di aiutare i MMG nell’orientamento alla scelta del farmaco più adatto per i propri pazienti con FANV, gestirne le controindicazioni e i possibili effetti collaterali che potrebbero insorgere durante il long-term follow- up della terapia.

Al primo incontro verranno illustrati i modelli di comportamento più adatti tratti dalle Linee guida internazionali sull’argomento per fornire le basi delle conoscenze scientifiche e pratiche dei farmaci Anticoagulanti.

Al secondo incontro è prevista una discussione tra partecipanti e relatori esperti su situazioni cliniche e difficoltà che i discenti avranno individuato durante la loro attività clinica quotidiana, e che porteranno per la discussione.

Scheda del corso

LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON FA TRA OSPEDALE E TERRITORIO

Evento di formazione Residenziale n.1055-345433

Provider: Scuola Piemontese di Medicina Generale "Massimo Ferrua" ID 1055

Crediti ECM: 8

Durata dell'attività formativa stimata in 8 ore  

Il corso si sviluppa in due eventi formativi realizzati in modalità RESIDENZIALE presso l'Aula Magna della Scuola Piemontese di MG - C.so Svizzera 185 bis

1° Appuntamento  Mercoledì 25 Maggio 2022 dalle ore 18:30 alle ore 22:30

2° Appuntamento  Mercoledì 15 Giugno 2022 dalle ore 18:30 alle ore 22:30

Per il completamento del corso e l'ottenimento dei crediti formativi è necessario partecipare ad entrambi gli eventi.

 

 

Scheda Faculty

   

Andrea PIZZINI

Medico Di Medicina Generale

Segretario Scuola Piemontese di Medicina Generale "Massimo Ferrua"

 

Franco TORTA

Medico Di Medicina Generale

 

Massimo GIAMMARIA

Dirigente Medico I Livello Responsabile di Struttura Operativa Semplice di Elettrofisiologia

Senior del Laboratorio di Emodinamica Cardiologia

Ospedale Maria Vittoria - TORINO

 

Mario BO

Dirigente Medico I Livello Geriatria

Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista - TORINO

 

Programma scientifico